CONFERENCES AGENDA

Territory, Natural Hazards, Infrastructure

SEPT

21

Territory, Natural Hazards, Infrastructure

Ricostruzione post sisma: la carta della ricostruzione 

Le invarianti delle ricostruzioni. Un webinar per l’elaborazione di un documento condiviso, punto base per sviluppare un processo sostenibile di ricostruzione, a supporto del percorso avviato dal Dipartimento Casa Italia. 

Prevention and safety solutions through design and practice on existing built environment, the Italian experience

Technical Meeting a cura di After the Damages, International Academy

Ricerca, Sviluppo e Tecnologie nelle infrastrutture e nelle costruzioni dell’Italia del futuro

L’economia circolare applicata all’ambiente costruito in termini di ciclo di vita: dalla “progettazione circolare”, alla conoscenza e diagnosi dello stato di fatto,  alla manutenzione predittiva, con l’ausilio di tecnologie innovative, frutto di ricerca applicata e sviluppo sperimentale. 

Le esperienze delle società di ingegneria, consulenza e costruzione nel sub-Sahara. Focus Africa Orientale

Technical Meeting a cura di OICE, ANCE e Africa e Affari. 

SEPT

22

Territory, Natural Hazards, Infrastructure

I Decreti Post Covid. Infrastrutture, opere pubbliche e rilancio economico del Paese

Il convegno approfondisce le tematiche in ambito pubblico e privato del decreto semplificazioni e del decreto rilancio. Attraverso le testimonianze dirette dei relatori si porrà l’attenzione su esempi pratici delle novità introdotte dai decreti nelle procedure della pubblica amministrazione e delle professionalità tecniche

Waste Architecture and the Sustainble City of the Future

The intention of the webinar “Waste Architecture” is to introduce the concept of Waste Architecture and the Waste Architecture Platform created by the International Waste Working Group (IWWG) and Arcoplan (Italy). We will also explore how Waste Architecture has been interpreted and developed in the context of the African City of the Future, in Durban, South Africa.

 

Gestione Forestale Sostenibile e Climate Change: aspetti Ambientali, Protettivi e Produttivi

Il bosco e le foreste hanno sempre avuto nei secoli il privilegio di rappresentare e attuare nel concreto il principio biologico e realizzativo della multifunzionalità di funzioni espletate a servizio dell’uomo, dei cittadini e della collettività. Come non comprendere oggi l’attualità e la modernità di questo concetto antico per ogni nostro bosco, diversificando quindi principio di impatto e di prevalenza di funzioni?

Intelligenza artificiale, realtà aumentata e Internet of Things al servizio dell’ambiente costruito

Come la digitalizzazione, la gestione e il monitoraggio dei dati di consumo energetico, le tecnologie per l’edilizia industrializzata e le nuove figure professionali emergenti stanno modificando il settore delle costruzioni? Quali i pro, i contro, gli scenari a cui andiamo incontro? Quali le proposte e le innovazioni?

Le nuove linee guida del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Manutenzione e gestione dei ponti esistenti

Il verificarsi di tragici eventi legati a crolli infrastrutturali ha posto in evidenza lo stato di criticità in cui versa la viabilità nazionale. In questo contesto, uno strumento di fondamentale importanza è rappresentato dal Monitoraggio Strutturale. I parametri statici e dinamici delle strutture e la loro evoluzione nel tempo è ciò che vogliamo trattare, al fine di determinarne lo stato di salute in tempo reale, fornendo opportuni input ai decisori per la messa in atto di adeguate contromisure

SEPT

23

Territory, Natural Hazards, Infrastructure

The Special Economic Zones as an instrument to reach the ONU Agenda 2030 Sustainable Goals and to develope a resilient territory

A Resilience Strategy aims to strengthen the city against sudden potential shocks in future, from storms and heat waves, to cyber-attacks, global financial crises and other unforeseen challenges. The Living Lab approach in the Cape Town Area SEZ sustainable development. 

Appropriate solutions for sustainable environmental interventions in resources limited countries

By CeTAmb Lab, Brescia University

SIMEST: supporto all’internazionalizzazione delle imprese italiane – Focus Sudafrica

Technical Meeting organizzato dall’Ambasciata d’Italia in Sudafrica, con la collaborazione di SIMEST, per illustrare alle imprese italiane gli strumenti messi a disposizione dal Governo per l’internazionalizzazione, con un focus specifico sul mercato sudafricano.
In un contesto d’inedita avversità, in cui alle incertezze ereditate dal 2019 – PIL e commercio internazionale in rallentamento, escalation protezionistica e instabilità geopolitica – si sono aggiunte nel 2020 le conseguenze della pandemia Covid-19, il Governo italiano, con il “Patto per l’Export” mette a disposizione delle imprese nazionali 1 miliardo e 260 milioni (dei quali 360 milioni a fondo perduto) per finanziamenti agevolati a sostegno delle azioni di internazionalizzazione.
Questo webinar offre alle imprese italiane un’occasione per orientarsi tra i sette strumenti di finanziamento disponibili, selezionare le migliori opportunità e approfondire gli aspetti che permetteranno di approcciare con maggior consapevolezza il mercato sudafricano.

 L’innovazione per la mitigazione dei rischi naturali sulle infrastrutture: RISCHI E INNOVAZIONE

A cura di Francesco CARTOLANO (RFI DTP Torino), Filippo M. SOCCODATO (Alta Scuola)

 

 La Ricostruzione del Viadotto Polcevera dell’autostrada A10

Il Ponte Genova San Giorgio. Un’opera per il rilancio della città di Genova e di tutto il paese.

 

L’innovazione per la mitigazione dei rischi naturali sulle infrastrutture: RISCHIO IDRAULICO

A cura di Francesco CARTOLANO (RFI DTP Torino), Filippo M. SOCCODATO (Alta Scuola)

L’innovazione per la mitigazione dei rischi naturali sulle infrastrutture: RISCHIO FRANE E ALLUVIONI

A cura di Francesco CARTOLANO (RFI DTP Torino), Filippo M. SOCCODATO (Alta Scuola)

SEPT

24

Territory, Natural Hazards, Infrastructure

Gestione Forestale Sostenibile e Climate Change: Governance del Territorio e dei Rischi Naturali e di Natura Antropica

Un territorio fortemente antropizzato come quello del nostro Paese, caratterizzato da un’alta densità abitativa e da una morfologia complessa con più del 70% di territorio rurale e montano, ha necessità di indirizzi e azioni di governo che ne tutelino i valori ambientali e ne regolamentino anche l’utilizzazione delle matrici. Nel breve periodo non possono essere trascurati gli interventi di immediato impatto che ne diminuiscano i rischi e blocchino le minacce e quindi esaltare tutte quelle attività denominate di sicurezza ambientale e del territorio che sensibilizzino i cittadini al corretto uso delle risorse ambientali e del territorio e quindi porre in atto le attività di prevenzione e sicurezza dei reati connessi, di prossimità alle popolazioni

Giornata del Dipartimento della Protezione Civile – L’utilizzo dei dati satellitari per l’osservazione della Terra

A cura del Dipartimento della Protezione Civile. 


Verso un Piano Strategico Nazionale per la governance del Territorio. Risorse, azioni e interventi

A cura di Francesco Arcangelo VIOLO (Consiglio Nazionale dei Geologi), Filippo M. SOCCODATO (Alta Scuola)

I rischi delle infrastrutture rispetto ad eventi calamitosi e le attività propedeutiche alla ricostruzione 

La sessione fornirà un’ampia rassegna di casi di analisi della pericolosità sismica e del relativo rischio a cui sono sottoposte infrastrutture e reti di trasposto presenti in diversi ambienti geologici del territorio italiano. Verranno descritti gli hazard derivanti da frane sismoindotte, da fagliazione superficiale, da liquefazione e da scuotimento sismico in relazione a centri abitati, infrastrutture viarie, reti di trasporto e impianti di trasporto in condotta come il TAP. Verranno anche affrontati i temi della microzonazione sismica e della ricostruzione postsismica, con particolare riguardo alla sostenibilità, alla rigenerazione e all’integrazione con il paesaggio.

SEPT

25

Territory, Natural Hazards, Infrastructure

Valutazione e monitoraggio dei ponti esistenti. Il contributo del Consorzio FABRE.

A cura di Consorzio FABRE, un’alleanza tecnico-scientifica per la valutazione della sicurezza e il monitoraggio di ponti e viadotti in Italia. Protagonisti dell’accordo sono il Politecnico di Milano, l’Università degli Studi di Perugia, il Politecnico di Torino, l’Università di Padova, l’Università di Pisa, l’Università di Camerino, l’Università di Messina, l’Università della Campania “Luigi Vanvitelli” e l’ENEA. Il Consorzio metterà in campo gli esperti più qualificati e le tecnologie più avanzate per monitorare e valutare lo stato di salute delle infrastrutture stradali e svilupperà metodologie ad alto contenuto tecnico-scientifico per classificare i diversi rischi (statico, fondazionale, sismico e idrogeologico). 

Conferenza Nazionale Dissesto Idrogeologico e Sostenibilità. Dissesto e sostenibilità 

A cura di Luca FRANZI (Regione Piemonte, Associazione Idrotecnica Italiana), Filippo M. SOCCODATO (Alta Scuola)

Ricostruzione post sisma: la carta della ricostruzione

I punti fermi della ricostruzione. Un documento condiviso tra tutti coloro che sono coinvolti nei processi di ricostruzione post evento che il Dipartimento Casa Italia possa utilizzare come base da sviluppare per creare delle linee guida unitarie