Protocollo indagini ambientali Ex Discariche

23 SETTEMBRE MERCOLEDI’
10.00 – 11.00

In molte aree, sempre più di frequente, vengono riscontrati siti caratterizzati dalla presenza di rifiuti abbandonati, superficiali o interrati, o vere e proprie discariche abusive/non autorizzate (anche con procedure di infrazione) che sono prive di qualsiasi sistema di controllo e di sicurezza; tali situazioni generano o possono generare una serie di criticità più o meno vaste creando condizioni di potenziali contaminazioni a carico delle diverse matrici ambientali.

Le potenziali contaminazioni che derivano direttamente o indirettamente dagli accumuli di rifiuti o dalle discariche abusive a scapito delle diverse matrici ambientali quali i suoli, le acque di falda e/o acque superficiali avvengono in seguito al rilascio di sostanze chimiche (anche potenzialmente pericolose, tossiche e nocive) che talvolta, in relazione della tipologia di sostanza, risultano molto pericolose anche se presenti in piccole quantità.

Gli elementi inquinanti possono essere molteplici e molto differenti e si originano a seconda della tipologia di composizione chimica del rifiuto presente, avente differenti caratteristiche di mobilità e diffusione specifiche, configurabile come tossiche/nocive e pericolose sia per l’ambiente che per la salute umana, con il rischio della presenza anche di rifiuti radioattivi.

Una attenta risoluzione di tali aree, con la consapevolezza dei potenziali rischi sull’ambiente e sulla salute umana, parte necessariamente dalla conoscenza e dallo studio del sito.

La B&A Consultancy ha creato un protocollo di indagini ambientali utilizzabile nelle aree di ex discarica mediante il quale vengono effettuate attività di screening e indagini (dirette e indirette) necessarie per inquadrare tutte le caratteristiche sito specifiche dell’area.

Il protocollo vede una sequenza specifica di attività da realizzare in sito (con varie tecnologie e rilevamenti strumentali) tali da ottenere man mano dati sempre più mirati di conoscenza ai rifiuti presenti ed all’eventuale rischio legato alla loro presenza ed alla sicurezza dei lavoratori.

Al protocollo della Procedura è unita anche la parte di formazione/informazione effettuata verso i Committenti, gestori del procedimento unico di bonifica (RUP) o ENTI interessati.

 

Powered by: