L’acqua di domani
Dal Patto per l’acqua al Libro Blu: proposte per il risparmio, il riciclo e il recupero dell’acqua

22 SETTEMBRE MARTEDI

17.00 – 19.00 

Il 30 novembre 2018 è stato lanciato il “Patto per l’acqua”, nato da un’iniziativa del FAI che ha invitato a uno stesso tavolo i principali attori del sistema: dagli enti di ricerca (ISRA-CNR, Politecnico di Milano, Nomisma, l’Istituto Superiore di Sanità) ai gestori delle reti (Utilitalia), dai consorzi di bonifica (ANBI) agli agricoltori (Coldiretti), dalle amministrazioni pubbliche (ANCI, Comuni virtuosi) alle imprese (ANIE, ANIMA, Confcooperative, Federbim) al terzo settore (ASVIS, Kyoto Club, Legambiente, LIPU, Touring Club Italiano, WWF) alle associazioni di professionisti come INU e AIAPP. Il Patto per l’acqua rappresenta un breve documento composto non solo di principi, bensì anche di proposte concrete a vari livelli, risultato della ricerca dei punti comuni tra i diversi attori e la loro rielaborazione. Questo percorso prosegue con la scrittura di un libro bianco sull’acqua, il Libro Blu, di cui è stata è discussa una prima versione lo scorso 7 febbraio – in occasione dell’ultimo Tavolo del Patto riunito a Roma, ospite del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

In questi mesi che ci separano dall’ultimo incontro molto è cambiato; tuttavia, giunge pressante la crescente attualità del tema e del nostro comune impegno, in particolare alla luce dei diversi provvedimenti che a partire dal Green Deal, passando dalla Strategia per la biodiversità e dalla Comunicazione Farm to Fork, vedono una crescente centralità delle politiche ambientali alla scala europea e che nell’attualissimo Recovery Fund divengono perno delle strategie di ripresa economica in Europa e nel Paese.

Diviene quindi necessario iniziare a promuovere l’attività del Patto per l’acqua, anticipare i contenuti del Libro Blu e tornare a presentare le proposte concrete già condivise. Vorremmo pertanto cogliere l’occasione di uno spazio che ci è stato reso disponibile all’interno di RemTech 2020 – Digital Edition (nota piattaforma, ora digitale, dedicata ai temi dello sviluppo sostenibile e del territorio) utilizzando anche il contesto del Festival della sostenibilità di ASVIS. La tempistica risulta strategica per rilanciare le proposte del Patto in vista del piano nazionale di ripresa e resilienza che l’Italia dovrà presentare come tutti gli Stati membri per accedere alle risorse del Recovery Fund e in linea con le indicazioni del “Next generation EU”.

Saluti 
Daniela Bruno, Vicedirettore Generale FAI per gli Affari Culturali

Introducono e moderano 
Costanza Pratesi, Responsabile Ufficio Paesaggio e Patrimonio

Daniele Meregalli, Responsabile Ufficio Ambiente e Sostenibilità

Presentazione proposte e contenuti del LIBRO BLU:

Disponibilità delle risorse idriche in Italia – Mappa dei consumi e dei fabbisogni idrici: panoramica sui dati – Consumi – uso civile, agricolo, industriale: principali criticità.
Vito Felice Uricchio, Istituto di Ricerca sulle Acque del Consiglio Nazionale delle Ricerche (IRSA-CNR)

Le tecnologie del water management
Davide Chiaroni
Vice Direttore dell’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano

Le ricadute economiche delle politiche di efficientamento idrico: incidere sui fabbisogni attraverso il risparmio, il riciclo e il riuso. Incisività delle innovazioni sui costi nei diversi ambiti produttivi
Marco Marcatili, Responsabile Sviluppo di Nomisma

Chiude e commenta:
Prof. Filomena Maggino, Presidente Cabina di Regia Benessere, Palazzo Chigi

Powered by: